sommario schede

altre foto affreschi Atri (continua)

400 - Italia centrale

SCHEDA:  ANDREA DELITIO

L'artista abruzzese (talora chiamato anche Delisio)  nacque probabilmente a Lecce dei Marsi vicino Sulmona. Le sue opere note non sono moltissime: l'unica "firmata" - 1473-  è nel comune di Guardiagrele (San Cristoforo). Altri suoi dipinti sono a Sulmona, L'Aquila, Celano ecc. ed in particolare ad Atri (Teramo) dove nel coro del Duomo è ubicato un notevole ciclo di affreschi completati probabilmente fra il 1477 ed il 1481.

 particolari affreschi di Atri:  il caricamento può risultare lento


per cortesia Turismo Regione Abruzzo che ne conserva i relativi diritti


per cortesia Turismo Regione Abruzzo che ne conserva i relativi diritti

Delitio, secondo alcuni storici, si inseriva fra gli artisti della "seconda ondata tardogotica" anche se probabilmente gli erano noti gli sviluppi dell'arte fiorentina di quegli anni e le esperienze di Piero della Francesca, Domenico Veneziano, Sassetta, Vecchietta  ecc.

L'artista marsicano secondo i documenti reperiti apparì per la prima volta nel 1442 - insieme ad altri artisti - per un lavoro (del quale è rimasto solo un frammento) nella Chiesa di S.Agostino di Norcia. Negli anni successivi realizzò a Sulmona: un affresco rovinato dal terremoto del 1706 ed altre opere (Madonna adorante il Bambino...).

Nel capoluogo abruzzese merita di essere citato suo un affresco del 1465 circa : "Madonna con Bambino" nella Chiesa della Beata Antonia.

Tuttavia il ciclo degli affreschi del Duomo di Atri (Teramo) è la maggiore testimonianza della maturità artistica di Andrea Delitio. Queste opere furono dedicate agli Evangelisti e Dottori della Chiesa, ad episodi della Vita della Vergine ecc. Forse non mancano nelle illustrazioni riferimenti a vicende tratte da Vangeli apocrifi (ad esempio nell'affresco "Lavori di Maria nel tempio").

Alcune tavole dell'artista si trovano anche in musei esteri. Talora viene riportato come "De Litio"

 

  altre foto del ciclo di Atri 

 

in collaborazione per le foto:

 

Atri: la cittadina

 

HOME