luoghi arte

ACCADEMIA  CARRARA - BERGAMO


Il conte Giacomo Carrara fu un grande collezionista del settecento ed a lui si devono la fondazione (1796) dell'accademia bergamasca ed il primo nucleo della pinacoteca annessa.  

La ricchissima raccolta (oltre 1600 dipinti) è ospitata nel palazzo donato dallo stesso conte. Negli anni successivi si sono poi aggiunte altre donazioni.   

Fra le tele più importanti: "San Sebastiano " di Raffaello, " Ritratto d'Ignoto " di Gentile Bellini," Presepe " del Perugino, " Natività " del Carpaccio," Storia di Virginia Romana " del Botticelli,  diverse opere realizzate da artisti quali Lorenzo Monaco, Luca Signorelli, Giovanni Bellini, Jacopo Bellini, Mantegna, Tiziano, Canaletto, Lorenzo Lotto, Durer, Tiepolo, Donatello ecc. Sono un'autentica curiosità le carte dei tarocchi dipinte nel 400.


Raffaello, San Sebastiano


Carpaccio, Nascita della Vergine

Nella parte posteriore della storica accademia è ubicata la Scuola di Pittura, completata nel 1930 e poco dopo affrescata da Achille Funi.

Nel 1991, grazie all'impegno del comune, si è infine aggiunta al complesso la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea (gamec). Nel 1999 le collezioni di arte moderna si sono notevolmente ampliate grazie alla " raccolta Gianfranco e Luigia Spajani".

 

Fra le opere conservate in quest'ultima galleria vanno ricordate quelle di Manzù (nato a Bergamo) , De Chirico, Morandi, Campigli, Savinio, Kandinsky e tanti altri.

In tempi relativamente recenti si è aggiunta alle collezioni permanenti del gamec una sezione denominata "caleidoscopio " dove sono esposti lavori di artisti più recenti (Longaretti, Maffioletti, Carrara, Poli ed altri ancora).

foto Alpy 2006

 




home