sommario schede

Ambrogio Lorenzetti: la sua arte pittorica e le mostre



Ambrogio Lorenzetti, fratello di Pietro, è¨particolarmente noto per i suoi affreschi a Siena sua città natale. La sua prima opera nota (Madonna di Vico l'Abate, datata 1319) è¨oggi conservata nel museo di San Casciano in Val di Pesa. Da alcuni elementi si ritiene che parte importante della sua formazione artistica, a differenza del fratello, sia avvenuta in ambito fiorentino anzichè¨senese. Comunque Ambrogio intorno al 1335 fu maggiormente presente nel circondario di Siena e, a quanto appare, realizzò anche degli affreschi in collaborazione con Pietro. Poco più tardi fu maggiormente impegnato nella sua città di origine anche perchè¨ diversi artisti senesi avevano avuto commissioni presso la corte papale di Avignone.  Nel corso di queste sue rinnovate presenze nel senese fra l'altro, nel 1340 circa, affrescò una cappella nel noto eremo di San Galgano a Montesiepi.

Nello stesso periodo (1338-1339) Ambrogio dipinse comunque il suo affresco più noto: le Allegorie del Buono e Cattivo Governo e dei loro Effetti in Città  e in Campagna. Tali dipinti, dispiegati su tre pareti della Sala dei Nove del Palazzo Pubblico di Siena, hanno una lunghezza di circa 35 metri.


noto particolare degli affreschi senesi

Sull'evoluzione artistica del pittore il Chastel scriveva: "....si allontanava dalla fermezza giottesca per svolgere un'arte più emotiva, più fiorita, più gotica". Lo stesso storico dell'arte, al quale il percorso di Ambrogio sembra regolare, aggiungeva ancora: "La Madonna con sei angeli e quattro santi (vedi in basso) rivela chiaramente che la potenza cede al colore, ma sarebbe erroneo ravvisarvi un' inclinazione all'irrealtà  giacchè¨ mai l'osservazione concreta fu più acuta che qui."

Le opere realizzate dal Lorenzetti (morto intorno al 1348 per peste) furono comunque numerose e magari è consigliabile fare dei giretti in Toscana(includendo anche Massa Marittima, Roccalbegna, Montenero d'Orcia, Asciano ecc.) e visitare, quando capita, qualche mostra.

Di recente sono state proposte alcune esposizioni a Siena e Massa Marittima anche in preparazione dell'ampia mostra in Santa Maria della Scala a Siena (22 ottobre 2017-21 gennaio 2018). Documentiamo queste interessanti iniziative anche con alcune locandine.







MOSTRA SIENA-SANTA MARIA DELLA SCALA
22 ottobre 2017-21 gennaio 2018

In genere il grande pubblico non conosce molto il lavoro complessivo di Ambrogio Lorenzetti, ma con quest'ultima iniziativa sono esposti numerosi dipinti (anche provenienti dal Louvre, dalla National Gallery, dalla Galleria degli Uffizi) con l'intento di ritessere la grande vicenda artistica di Ambrogio Lorenzetti, facendo convergere al Santa Maria della Scala tutta una serie di opere che, in gran parte, furono all'epoca realizzate per committenti senesi e per chiese della città. Diverse delle opere sono state recentemente restaurate. Mostra e relativo catalogo curati da Alessandro Bagnoli, Roberto Bartalini e Max Seide. Forse con qualche novità per gli appassionati. In genere gli studiosi d'arte hanno approfondito gli affreschi nel Palazzo Pubblico. Di seguito alcune delle pitture esposte.


particolare di affresco staccato, chiesa di San Galgano a Montesiepi (foto ufficio stampa Civita)


Maestà, tempera e oro su tavola, Massa Marittima, Museo d’Arte Sacra foto su concessione del Ministero dei Beni e delle attività culturali (ufficio stampa Civita)